Home » INFORMA » Chi siamo al tempo del corona virus…
in tempi di coronavirus - La storia ci sta riscrivendo, facendoci passare tutti dentro una strettoia e quando potremo riaprire la porta non potremo far finta che non sia successo niente: sarà cambiato il mondo fuori e saremo cambiati dentro. Tutti. Allora pensiamo ADESSO a ripartire e a rifondare un mondo nuovo, dopo che nel vecchio (che stiamo lasciando, cambiando pelle) un virus trasversale ha livellato la società a velocità supersonica scardinando ogni falsa certezza e rivelando che le nostre economie sborone sono dei giganti d’argilla. In tutti noi si è aperta una grande ferita, ma sta soltanto a noi non farci venire infezioni che non vogliamo, sta a noi guarirla, scatenando le nostre capacità innate e uniche, la voglia di vivere e di andare oltre, la curiosità che è un formidabile combustibile della vita... Invece di passare le giornate a dare la caccia ad un colpevole e ad abbuffarci di becere ipotesi degne di un complottismo faidate adatto ai bruti e agli stolti che si bevono tutto e si fanno manipolare dal primo che apre bocca e le dà fiato… informiamoci con cura, selezionando i migliori addetti ai lavori (virologi, ricercatori, medici, sociologi, liberi pensatori fuori dal coro) ma sempre scremando molto, ascoltando e leggendo tutto alla giusta distanza e senza accanirci a cercare ora i responsabili per giustiziarli, restando agganciati energeticamente a pensieri a bassissima frequenza. C’è ancora troppa confusione, paranoia e faziosità nel Campo per avere risposte soddisfacenti. Chi ha sbagliato? Di chi è la colpa? Di un cinese che giocava al piccolo chimico in laboratorio? di un pipistrello? Quello se ne sarebbe stato molto volentieri con il suo bel virus nelle sue fitte boscaglie invece di esser catturato e trascinato in un mercato sudicio e privo di norme igieniche (come ovunque e sempre in Cina) e messo a contatto con un malcapitato pangolino che avrebbe preferito anche lui starsene in Africa a mangiar formiche per i cazzi suoi piuttosto che essere mangiato come una delicatessen in un altro continente e vivendo il rischio di estinguersi del tutto e di essere pure il veicolo del salto di specie di un virus… Fondamentalmente l’uomo fa un gran casino, non sa rispettare la natura e tantomeno la biologia e anche stavolta tante, troppe cose gli sono sfuggite di mano. Se ci aggiungiamo poi il caos creato dai conflitti sul 5G, i vaccini polivalenti, lo smog appestante nelle grandi città, il junk food che impazza, l’utilizzo di antibiotici e di antidepressivi come piovesse, 37mila militari armati fino ai denti che scorrazzano in Europa, l'elettrificazione della terra in aumento esponenziale… e il polpettone è al completo. E rimane sullo stomaco perché è difficile e spesso impossibile districarsi nel fuoco incrociato e incontrollato (e sfibrante) delle informazioni contraddittorie diffuse a raffica…. E diventa una prova di assoluta maestria rimanere attenti, centrati e cauti, circondati come siamo da legioni di improvvisati tuttologi che sentenziano e pontificano su tutto senza contenimento alcuno. E allora via al galoppo influencer e opinionisti a cavalcare le domande assillanti: è stato un evento imprevedibile come un attacco terroristico o sapevano tutto da mesi? Ce l’hanno taciuto strategicamente per sterminarci? Per estinguere strati sociali e rovinare migliaia di aziende per ricomprarsele con pochi spicci? Per raccogliere immense ricchezze nelle mani di una manciata di spietati strateghi? e potrei andare avanti ore e giorni... Se continuiamo a pensare a ogni circostanza con la lente del sospetto, del complotto, della fregatura sempre e comunque e se poi ci abbuffiamo per ore di tg (grondanti bollettini con numeri scorretti, confondenti e dunque inascoltabili) perdiamo di lucidità e ci saturiamo di ansia e di rabbia, mentre è il tempo di fare la punta col temperamatite al buon senso, al discernimento, alla calma, alla creatività e alle risorse naturali che ciascuno possiede in modo unico e soprattutto di potenziare le nostre competenze, di affinare il fiuto, di alzare la visione e le frequenze dentro e attorno a noi…. Mai come oggi è concesso (ai sani e ai fortunati che stanno a casa e non in trincea) un tempo extra ordinario per riflettere su chi siamo e su cosa desideriamo fare ADESSO, per eliminare le zavorre, per chiarire ambiguità e incompresi con chi amiamo, per comunicare con serenità, per giocare e raccontare favole ai nostri bimbi, per insegnare o imparare le ricchezze della nostra tradizione, per buttare gli scheletri dagli armadi, per apprezzare i piccoli gesti semplici tornando a valori archetipici di piacere e fratellanza, e per riassaporare l’essenza minimalista delle nostre esistenze. ADESSO è il tempo di passare da uno stato di allarme e di sopravvivenza ad un assetto di esistenza consapevole, illuminata da piccole e grandi azioni etiche e solidali. Di stabilizzare il campo con costanti comportamenti individuali improntati all'armonia e alla compassione. Di creare un campo personale sicuro e ad alta frequenza che si nutre di bellezza, di allegria e di generosità, e che sa vivere la potenza insostenibile e stupefacente dei silenzi. Di accettare i momenti di paura senza combatterli, ma accogliendoli tutti, e ricordandoci che ciascuno di noi ha delle risorse innate per accedere a stati di benessere e di pace. Di imparare ad avere pazienza e ad ascoltare, visto che ascolto e pazienza sono merci rarissime di questi tempi. Di vibrare nella gratitudine. Rispettare le restrizioni significa non soltanto fare prima ad uscire da questo stato di attesa e di prigionia, da questa terra di nessuno, ma anche osservare cosa significa per noi restare in casa, l’effetto che produce in noi: è insopportabile e devastante? è una vacanza? un alibi per scappare ancora una volta all’immersione dentro di noi o per sottrarci alla responsabilità di diventare esseri consapevoli? un regalo inatteso? uno strazio senza senso? un’incredibile opportunità?... facciamocela questa domanda. Il virus che sta cappottando il mondo porta con sé un messaggio energetico, essendo esso stesso un’informazione e quindi una manifestazione della natura e del nostro modo di vivere e ci suscita ancora più orrore perché fa collassare i polmoni che nel simbolico degli organi è un'area collegata alla tristezza, alla paura di morire, alla mancanza di libertà, allo scambio con l’esterno, al primo respiro di vita e all’ultimo... Ma la malattia in sé non è qualcosa da combattere o da soffocare, bensì qualcosa di sensato da ascoltare; non è una punizione divina o un errore della natura, o pura sfiga, ma una reazione del corpo per salvarci o per comunicare (magari urlando) a delle menti diventate sorde e anestetizzate da una vita innaturale e contro ogni minimo buon senso. Può essere una spinta energetica a trovare nuovo equilibrio e contatto con se stessi quando si è smarrito il rapporto con il sacro, la propria natura, la direzione, la trascendenza, i bisogni profondi, il mistero… Dopo lo choc collettivo e la reazione di rabbia e di angoscia ADESSO è il tempo di dedicarsi alla riparazione-guarigione. Di prenderci cura di noi e degli altri come non l'abbiamo mai fatto prima e recuperando la gentilezza in ogni gesto, quella gentilezza che noi adulti abbiamo dimenticato al punto di non saperla più insegnare ai nostri figli e nipoti. ADESSO è il tempo di imparare ad aprire una telefonata con un “come stai” nel quale ci predisponiamo (finalmente e veramente) all’ascolto della risposta dell’altro, per poi magari chiudere la conversazione con un "ti voglio bene”, senza più darlo per scontato (e vincendo stupidi pudori figli di ottusi pregiudizi del vecchio mondo che ci stiamo lasciando alle spalle), perché potremmo pentirci un giorno di non averlo mai detto.

Chi siamo al tempo del corona virus…

In tempi di coronavirus – La storia ci sta riscrivendo, facendoci passare tutti dentro una strettoia e quando potremo riaprire la porta non potremo far finta che non sia successo niente: sarà cambiato il mondo fuori e saremo cambiati dentro. Tutti.
Allora pensiamo ADESSO a ripartire e a rifondare un mondo nuovo, dopo che nel vecchio (che stiamo lasciando, cambiando pelle) un virus trasversale ha livellato la società a velocità supersonica scardinando ogni falsa certezza e rivelando che le nostre economie sborone sono dei giganti d’argilla.
In tutti noi si è aperta una grande ferita, ma sta soltanto a noi non farci venire infezioni che non vogliamo, sta a noi guarirla, scatenando le nostre capacità innate e uniche, la voglia di vivere e di andare oltre, la curiosità che è un formidabile combustibile della vita…

Invece di passare le giornate a dare la caccia ad un colpevole e ad abbuffarci di becere ipotesi degne di un complottismo faidate adatto ai bruti e agli stolti che si bevono tutto e si fanno manipolare dal primo che apre bocca e le dà fiato… informiamoci con cura, selezionando i migliori addetti ai lavori (virologi, ricercatori, medici, sociologi, liberi pensatori fuori dal coro) ma sempre scremando molto, ascoltando e leggendo tutto alla giusta distanza e senza accanirci a cercare ora i responsabili per giustiziarli, restando agganciati energeticamente a pensieri a bassissima frequenza.
C’è ancora troppa confusione, paranoia e faziosità nel Campo per avere risposte soddisfacenti.

Chi ha sbagliato? Di chi è la colpa? Di un cinese che giocava al piccolo chimico in laboratorio? di un pipistrello? Quello se ne sarebbe stato molto volentieri con il suo bel virus nelle sue fitte boscaglie invece di esser catturato e trascinato in un mercato sudicio e privo di norme igieniche (come ovunque e sempre in Cina) e messo a contatto con un malcapitato pangolino che avrebbe preferito anche lui starsene in Africa a mangiar formiche per i cazzi suoi piuttosto che essere mangiato come una delicatessen in un altro continente e vivendo il rischio di estinguersi del tutto e di essere pure il veicolo del salto di specie di un virus…

Fondamentalmente l’uomo fa un gran casino, non sa rispettare la natura e tantomeno la biologia e anche stavolta tante, troppe cose gli sono sfuggite di mano. Se ci aggiungiamo poi il caos creato dai conflitti sul 5G, i vaccini polivalenti, lo smog appestante nelle grandi città, il junk food che impazza, l’utilizzo di antibiotici e di antidepressivi come piovesse, 37mila militari armati fino ai denti che scorrazzano in Europa, l’elettrificazione della terra in aumento esponenziale… e il polpettone è al completo.
E rimane sullo stomaco perché è difficile e spesso impossibile districarsi nel fuoco incrociato e incontrollato (e sfibrante) delle informazioni contraddittorie diffuse a raffica….
E diventa una prova di assoluta maestria rimanere attenti, centrati e cauti, circondati come siamo da legioni di improvvisati tuttologi che sentenziano e pontificano su tutto senza contenimento alcuno.

E allora via al galoppo influencer e opinionisti a cavalcare le domande assillanti: è stato un evento imprevedibile come un attacco terroristico o sapevano tutto da mesi? Ce l’hanno taciuto strategicamente per sterminarci? Per estinguere strati sociali e rovinare migliaia di aziende per ricomprarsele con pochi spicci? Per raccogliere immense ricchezze nelle mani di una manciata di spietati strateghi? e potrei andare avanti ore e giorni…
Se continuiamo a pensare a ogni circostanza con la lente del sospetto, del complotto, della fregatura sempre e comunque e se poi ci abbuffiamo per ore di tg (grondanti bollettini con numeri scorretti, confondenti e dunque inascoltabili) perdiamo di lucidità e ci saturiamo di ansia e di rabbia, mentre è il tempo di fare la punta col temperamatite al buon senso, al discernimento, alla calma, alla creatività e alle risorse naturali che ciascuno possiede in modo unico e soprattutto di potenziare le nostre competenze, di affinare il fiuto, di alzare la visione e le frequenze dentro e attorno a noi….

Mai come oggi è concesso (ai sani e ai fortunati che stanno a casa e non in trincea) un tempo extra ordinario per riflettere su chi siamo e su cosa desideriamo fare ADESSO, per eliminare le zavorre, per chiarire ambiguità e incompresi con chi amiamo, per comunicare con serenità, per giocare e raccontare favole ai nostri bimbi, per insegnare o imparare le ricchezze della nostra tradizione, per buttare gli scheletri dagli armadi, per apprezzare i piccoli gesti semplici tornando a valori archetipici di piacere e fratellanza, e per riassaporare l’essenza minimalista delle nostre esistenze.

ADESSO è il tempo di passare da uno stato di allarme e di sopravvivenza ad un assetto di esistenza consapevole, illuminata da piccole e grandi azioni etiche e solidali.
Di stabilizzare il campo con costanti comportamenti individuali improntati all’armonia e alla compassione.
Di creare un campo personale sicuro e ad alta frequenza che si nutre di bellezza, di allegria e di generosità, e che sa vivere la potenza insostenibile e stupefacente dei silenzi.
Di accettare i momenti di paura senza combatterli, ma accogliendoli tutti, e ricordandoci che ciascuno di noi ha delle risorse innate per accedere a stati di benessere e di pace.
Di imparare ad avere pazienza e ad ascoltare, visto che ascolto e pazienza sono merci rarissime di questi tempi.
Di vibrare nella gratitudine.

Rispettare le restrizioni significa non soltanto fare prima ad uscire da questo stato di attesa e di prigionia, da questa terra di nessuno, ma anche osservare cosa significa per noi restare in casa, l’effetto che produce in noi: è insopportabile e devastante? è una vacanza? un alibi per scappare ancora una volta all’immersione dentro di noi o per sottrarci alla responsabilità di diventare esseri consapevoli? un regalo inatteso? uno strazio senza senso? un’incredibile opportunità?…
facciamocela questa domanda.

Il virus che sta cappottando il mondo porta con sé un messaggio energetico, essendo esso stesso un’informazione e quindi una manifestazione della natura e del nostro modo di vivere e ci suscita ancora più orrore perché fa collassare i polmoni che nel simbolico degli organi è un’area collegata alla tristezza, alla paura di morire, alla mancanza di libertà, allo scambio con l’esterno, al primo respiro di vita e all’ultimo…
Ma la malattia in sé non è qualcosa da combattere o da soffocare, bensì qualcosa di sensato da ascoltare; non è una punizione divina o un errore della natura, o pura sfiga, ma una reazione del corpo per salvarci o per comunicare (magari urlando) a delle menti diventate sorde e anestetizzate da una vita innaturale e contro ogni minimo buon senso.
Può essere una spinta energetica a trovare nuovo equilibrio e contatto con se stessi quando si è smarrito il rapporto con il sacro, la propria natura, la direzione, la trascendenza, i bisogni profondi, il mistero…

Dopo lo choc collettivo e la reazione di rabbia e di angoscia ADESSO è il tempo di dedicarsi alla riparazione-guarigione.
Di prenderci cura di noi e degli altri come non l’abbiamo mai fatto prima e recuperando la gentilezza in ogni gesto, quella gentilezza che noi adulti abbiamo dimenticato al punto di non saperla più insegnare ai nostri figli e nipoti.

ADESSO è il tempo di imparare ad aprire una telefonata con un “come stai” nel quale ci predisponiamo (finalmente e veramente) all’ascolto della risposta dell’altro, per poi magari chiudere la conversazione con un “ti voglio bene”, senza più darlo per scontato (e vincendo stupidi pudori figli di ottusi pregiudizi del vecchio mondo che ci stiamo lasciando alle spalle), perché potremmo pentirci un giorno di non averlo mai detto.

x

Check Also

In forma con gusto sospesi nella leggerezza dell’ amaca

IN FORMA CON GUSTO ! CON QUALCHE POSIZIONE YOGA E DI CI GONG E TI ...

massaggio in palla
massaggio su palla e campana tibetana ideato da valbonesi
la nostra sede a via bellot 44 roma tel 3294167403 per le uscite

USCITE A VELA GIORNALIERE

USCITE GIORNALIERE IN BARCA A VELA LIGURIA Genova + VENEZIA

Programma di massima delle uscite giornaliere in barca a vela
con massaggio e yoga in amaca Liguria + Venezia
La “giornata tipo” delle gite giornaliere in barca a vela
con massaggio e yoga in amaca inizia con l’imbarco in mattinata seguito da un breve briefing per presentare la barca e introdurre l’equipaggio alle manovre di base della navigazione a vela per poter navigare in sicurezza. Una volta verificato il meteo per definire la miglior destinazione, si è pronti per partire: l’escursione giornaliera in barca a vela prevede una prima fase di navigazione al mattino,
i massaggio aereo e mini corsi di yoga in amaca una sosta in rada per il pranzo e qualche ora di counseling su amaca relax per risolvere tutti i vostri desideri e si concluderà con la navigazione pomeridiana e il rientro in porto al tramonto per l’aperitivo.

Le escursioni giornaliere in barca a vela sono aperte a partecipanti di qualsiasi età ed esperienza, e la formula dell’uscita in giornata le rende un’attività particolarmente indicata per partecipanti alla prima esperienza: se avete paura di soffrire il mal di mare o di non riuscire ad adattarvi facilmente alla vita a bordo, le gite giornaliere in barca a vela con massaggio e yoga in amaca vi offrono la possibilità di provare questa esperienza senza eccessivi vincoli e di apprezzare al meglio il piacere della navigazione. L’attività è aperta sia a singoli iscritti che a gruppi.
Il numero minimo di partecipanti per confermare le escursioni giornaliere in barca a vela è di quattro persone.

Inoltre possiamo creare su richiesta degli itinerari e programmi personalizzati in base alle vostre esigenze, permettendo all’equipaggio di godere appieno della sensazione di libertà che solo l’andar per mare può dare.
Ti è piaciuta l’uscita giornaliera in barca a vela? Perchè non provare allora il week end in barca a vela scegliendo una delle nostre numerose soluzioni.

i miei allievi .. in giro per il mondo ...

Uscite in barca giornaliere nel mare di Roma (Ostia)!

Uscite serali al tramonto con aperitivo!

Lunedi, martedì , mercoledì , giovedì, venerdì   barca a VELA
con massaggio e yoga in amaca !

Corso di
con massaggio e yoga in amaca e corso ancora
fitness in amaca (1 giorno – clicca)

uscita a vela a Roma di un giorno Collegamenti:

delle uscite giornaliere  a vela a Ostia – Roma

Uscite serali con aperitivo

Prezzi delle Uscite a vela di un giorno

Uscita Regalo: Regala e regalati un’emozione!

un’uscita in barca a vela con massaggio in amaca sul boma e yoga della risata è un regalo bellissimo!

Non sei mai salita su una barca a vela?

Vuoi solo goderti un giorno di relax al sole e al vento?

Vuoi imparare la tecnica della navigazione a vela?

Vuoi provare l’emozione di essere al timone di una  barca a vela con massaggio in amaca sul boma e yoga della risata?

Vuoi fare pratica nelle manovre a vela?

 Idea Regalo uscita a velaUn’Idea REGALO ORIGINALE? Regala un’uscita in barca a vela con massaggio in amaca e yoga aereo sulla barca in navigazione!

Insomma, per qualsiasi motivo tu voglia salire su una barca a vela, partecipa alle uscite a vela giornaliere a Ostia della associazione barca a vela con massaggio in amaca sul boma e yoga della risata!

In questa pagina puoi trovare il calendario delle uscite in barca a vela con massaggio in amaca sul boma e yoga della risata a Ostia a breve termine e il tipo di uscita.

Uscita giornaliera a vela di un giorno a Ostia

Le uscite in barca a vela con massaggio in amaca sul boma e yoga della risata giornaliere si possono effettuare nei weekend o nei giorni feriali.

Nella bella stagione le uscite a vela nel weekend si organizzano con preavviso di 2-3 giorni mentre per i giorni feriali, da lunedì a giovedì, si possono programmare con maggiore anticipo.

Il lunedi, martedì , mercoledì , giovedì, venerdì  è il giorno standard delle uscite a vela nei giorni feriali.

Il calendario delle uscite a vela di un giorno riportato sotto viene regolarmente aggiornato.

Se vuoi puoi ricevere gli aggiornamenti delle date sul tuo cellulare tramite whatsapp:

INVIACI il tuo numero ed inserisci il nostro (3294167403 ) nella tua rubrica telefonica (altrimenti il msg non arriva).

Potrai cancellarti in ogni momento.

uscite a vela regalo di un giorno a Roma - OstiaCOSTO DELLE USCITE A VELA GIORNALIERE

Le uscite a vela giornaliere costano 45 euro a persona per la prima uscita (comprendono la tessera associativa) e 35 euro le successive nell’anno in corso.

Senza fare la tessera l’uscita costa 40 euro a persona.

Occorrono almeno 5 adesioni per poter dare conferma, massimo si esce in 8-10 persone + lo skipper-istruttore.

E’ anche possibile uscire un giorno in barca con un proprio gruppo al di sotto del numero minimo di partecipanti e senza altre persone aggiunte: in questo caso concorderemo direttamente un prezzo forfettario. Il prezzo delle uscite a vela a forfait nei giorni feriali è generalmente più economico. Per situazioni particolari offriamo prezzi particolari!

Se ti vuoi aggregare ad altre persone cercheremo noi di formare un gruppo per raggiungere il numero minimo di partecipanti per poter effettuare l’uscita in barca a vela.

Nel periodo invernale il costo delle uscite è di euro 35 per i non soci, euro 30 per i soci.

Uscite a vela giornaliere didattiche

Le uscite giornaliere a vela sono, per chi vorrà imparare la tecnica della vela, anche uscite-scuola: si imparano i primi rudimenti teorici, si può condurre l’imbarcazione al timone e si possono toccare aspetti specifici secondo la propria preparazione ed esperienza. Il tutto nel piacere rilassato della navigazione a vela.

Pranzo al sacco, se le condizioni lo permettono si può organizzare un aperitivo in navigazione oppure dopo essere rientrati all’ormeggio.

Orari delle uscite giornaliere

Orario Invernale: 10:30-15:30 circa

Orario Estivo-2 possibilità: 9:00-13:30 oppure 14:00-18:30

USCITE A VELA CON APERITIVO AL TRAMONTO  (per info e date clicca QUI)

Uscita a vela con aperiivo al tramontoLe uscite a vela con aperitivo al tramonto si effettuano nel periodo estivo (a richiesta anche nel resto dell’anno).

Prezzo Uscita con aperitivo: 25 euro per i soci, 30 non soci.

Imbarco a partire dalle ore 18:00

Un ottimo modo per iniziare il fine settimana nella suggestione del mare al tramonto a vela.

Condizioni Meteo E’ lo skipper-istruttore a decidere se ci sono le condizioni meteomarine adatte all’uscita a vela. La verifica finale delle condizioni presenti è fatta sul posto al momento dell’appuntamento. Nel caso non si esca per meteo avverso nulla sarà dovuto. Nuvolosità o minaccia di pioggia non sono considerati motivi sufficienti per non presentarsi all’appuntamento. In caso di disdetta a meno di 24 ore dall’appuntamento sarà comunque dovuto il 50% dell’importo.

Le uscite a vela si svolgono davanti al litorale romano senza una meta particolare, l’itinerario lo decide il vento! Imbarco al Porto di Roma (Ostia), o dalla vicina foce del Tevere, lato Ostia, il porto naturale di Fiumara Grande.

E’ possibile uscire anche nei giorni feriali. Siamo disponibili ad uscire in barca a vela con massaggio in amaca sul boma e yoga della risata anche nei giorni feriali, con preferenza ai giorni dal lunedì al lunedi, martedì , mercoledì , giovedì, venerdì  (a partire da marzo  indistintamente in tutti i giorni)!

PRENOTA oppure CONTATTACI  3294167403 e organizzeremo insieme.

LE PROSSIME USCITE GIORNALIERE IN BARCA A VELA

un giorno a vela a Ostia – 2019