Home » CALENDARIO » Artisti cosmici in amaca CORSO SARDEGNA 2022

Artisti cosmici in amaca CORSO SARDEGNA 2022

CORSO ON LINE IN SARDEGNA Sardegna a portare il vostro contributo SULLArete- homescouling Sarda e troverete degli insegnati di arti ORIENTALI . 😄 Potete trovare amici che mai si sono fatti inoculare, potete trovare una rete solidale di ecovillaggi, potete essere coccolati in amaca da me Enrico Valbonesi.. Con il nostro metodo msssaggio aereo che certo conoscete www.operatoreolistico.eu, www.enricovalbonesi.it potete essere nel festival dell oriente gratis poiché faro entrare 6 espositori e molti biglietti a prezzi scontati. Potremo anche solo vederci.. Per abbracciarci e sorridere. Love chi avesse amici che hanno bisogno di lavoro noi in questi giorni daremo un contributo e un attestato di 50 crediti formativi e un gettone di presenza agli operatori meritevoli, per darci una mano nei trattamenti al festival 2022 e con i prodotti della vostra creativita animica..LOVE PAX HUMANITAS .La raccolta di semi e infiorescenze di finocchio selvatico e tante piante selvatiche ! Partecipa secondo le tue possibilità!

esempi di attività delle rete SARDA 2022:

https://www.operatoreolistico.eu/

Laboratorio base di Trasformazione erboristica e Ritualità. ★
con Sabatino e Rami , ospiti presso il meraviglioso progetto mangiare senza supermercato : info@operatoreolistico.eu

Un week end di condivisione ed esplorazione del magico mondo delle piante officinali, alleate del nostro benessere, del nostro equilibrio psicofisico, ma anche sagge e antiche maestre del viaggio dentro noi stesse, dentro noi stessi.

Attraverso il rito, il suono, la meditazione, la presenza, entreremo in connessione intuitiva con il mondo vegetale e con il suo sapere, aspirando a trascendere la pura conoscenza intellettuale e teorica, per entrare nel mondo degli Archetipi, delle forze che abitano ogni cosa e che ci sussurrano da tempi antichi attraverso il mondo delle Piante.

Il laboratorio sarà pratico e teorico, magico e concreto.

Saranno trasmesse conoscenze di base sulle piante e i fiori curativi che la Terra ci dona, scopriremo le loro segnature, le loro personalità uniche, e le loro proprietà magiche, curative, rituali. Capiremo come autoprodurre rimedi e creme naturali senza alcuna sostanza chimica, e come la relazione con la natura che ci circonda sia la prima e originaria forma di cura di sé. Verranno illustrati i principali metodi di raccolta, conservazione e trasformazione, per concludere con un’esperienza pratica di produzione casalinga, preparando un oleolito e un unguento curativo.

Tematiche principali del laboratorio:

Comunicare con gli Esseri della Natura: ritualità
L’arte della fumigazione
Le Piante Curative Officinali
Come si raccoglie
Come si fa l’essiccazione
Pianta Fresca e Secca
I diversi tipi di macerazione
Oli e Oleoliti
Unguenti Curativi e Rimedi Naturali
Preparazione di un Oleolito
Preparazione di un Unguento

Alla fine del laboratorio ogni partecipante porterà con sè alcuni rimedi preparati insieme.

alla fine dell esperienza chi vorrà portare il messaggio in altre regioni d Italia

☀️ noi organizziamo eventi a casa Vostra, faremo oltre alla raccolta di piante selvatoche un invito alla musica con campen tibetane e digirudu edrums una specie di concerto dell’artista Romano Rami 3294167403 (si viaggia con il suo camper che è la sua casa ovunque la porti la musica).
Venite a conoscere il suo viaggio, la sua musica, la sua bellezza, di un’anima leggera ricca di momenti d’incontri e ricerca di Vita.
Eventi OLISTICI a offerta libera inconsapevoli per ; sabato sera 15 ottobre in fiera di Cagliari inconsapevole e cena conviviale ognuno porta qualcosa.

Novità nel ramo tecnologico per tutti i SARDI CHE VOGLIONO ESSERE FREE ENERGY https://youtu.be/iFzsXOv_CAY incontro conferenza domenica nello stand Valbonesi che illustrerà lo antistress Energetico di punto zero…

PER I BAMBNI :

In che consiste il laboratorio?

Il laboratorio di teatro artigianale è progettato come uno spazio di sperimentazione performativa di gruppo: si giocherà insieme, si canterà, si faranno molti esercizi fisici creativi, sulla fiducia, lo spazio, i sensi, il sentirsi parte di un gruppo e al tempo stesso per scoprire la propria unicità; si giocherà con improvvisazioni strutturate; si danzerà, si racconterà in cerchio, si scopriranno strumenti di scrittura scenica; si entrerà in connessione profonda con l’ambiente circostante; si inventeranno atti poetici; si deciderà insieme su cosa si vuole lavorare a livello drammaturgico, secondo gli interessi dei partecipanti e gli stimoli che arriveranno dai vari contesti.

CONSIGLI PE RIL MESE DI OTTOBRE :

Tra non molto ci aspetta un salto con piroetta e doppio axel…Cosa accade quando dai regni “bassi” legati al primo chakra e ai reni…all’ improvviso ci troviamo in tutt’altra dimensione molto vicina a quella del cuore ..? Succede che ci scombussoleremo tutti e ci scapperà anche da ridere che proprio non guasta in questo periodo così tetro e buio…Il giorno x ottobre …finirà l’energia legata all’organo reni e faremo un balzo nelle vicinanze del quarto chakra …ci ritroveremo tutti ad avere a che fare con l’energia del mastro del cuore …e anche se per qualche giorno avremo difficolta ad integrarla …quando questa energia si assesterà…ci permetterà di essere più lievi e fiduciosi ma soprattutto più positivi nei confronti della vita…. Dopo un mese cosi pesante ….denso ed energeticamente destabilizzante …credo che in questi ultimi giorni molti abbiano buttato la spugna e dato di matto …potrà essere una boccata di ossigeno…Dopo una purificazione legata ai reni che non ha mollato la presa e che tuttora è in iter …l’ingresso del mastro del cuore il giorno 8 ottobre detta uno STOP nella calata degli inferi…Il Mastro del cuore potremmo definirlo un organo virtuale legato al cuore …. alcuni lo considerano equivalente al pericardio…. la membrana che riveste il cuore…. la sua funzione protettiva nei confronti del cuore è fondamentale….Quando ci troviamo nel mese del mastro del cuore è importante innanzitutto stare molto attenti a non esagerare con gli alimenti nervini… ad esempio the… caffe cioccolato ….vino etc …Se abbiamo infatti un’ energia renale fuori fase o molto carica …per la legge del ciclo del controllo in medicina cinese il nostro cuore potrebbe farne le spese …quindi potremmo all’improvviso soffrire di tachicardie… aritmie… sbalzi pressori etc…. Dunque per limitare la problematica non dovremmo cibarci di alimenti … che se presi in piccole dosi fanno bene ma se abusati potrebbero dar fastidio all’ energia del cuore… In questo mese di ottobre diamo anche un occhio di riguardo al nostro fegato che è collegato al mastro del cuore attraverso il grande canale Jue Yin e risente dell’ energia del ramo terrestre dell anno (metallo energia dei polmoni) …A volte capita che invece di essere sollecitato il mastro del cuore è proprio il nostro fegato a risvegliarsi e dunque potrebbero esserci problemi sia fisici…. legati all’ organo fegato che emozionali …In particolare riusciremo a contenere meno l’emozione della rabbia che potrebbe venire in superficie senza controllo…Dunque ricapitolando …il viaggio verso i reami alti ha sempre un piccolo scotto da pagare…ci vorrà qualche giorno di assestamento…per integrare la muova energia … faremmo bene a limitare i nervini e se soffriamo di fegato ad alimentarci in maniera piu sana e leggera…La nostra energia si riequilibra innanzitutto attraverso il cibo…un’ alimentazione corretta è in grado di riequilibrare il nostro corpo fisico e anche le nostre emozioni fuori controllo…Una buona tisana a base di biancospino… tiglio… melissa fiori d’arancio e passiflora può essere ideale per stabilizzare l energia del mastro del cuore …Se amate gli oli essenziali… l’olio essenziale di arancio è perfetto per questo mese …utilizzatelo nei vostri diffusori … potreste soffrire d’insonnia (altro problema legato al fegato e al mastro del cuore)…. quindi prima di andare a dormire …questo aroma diffuso nell’aria potrà giovarvi ..Vi auguro un buon mese ed una nuova e diversa energia di vita legata al Mastro del cuore.

Dobbiamo cominciare in questi tempi attuali a cambiare alimentazione. Gradatamente dobbiamo riuscire ad eliminare gli alimenti morti quali la carne ed il pesce perché non sono conformi alle leggi naturali e universali che affermano la vita. In un mondo nuovo anche gli alimenti devono essere viventi. Dei vegetali noi mangiamo i frutti e non la pianta intera mentre con gli animali di ogni tipologia essi siano, mangiamo l’animale completo. Carne e pesce erano necessari alla origine della nostra vita terrena terrestre perché il nostro corpo potesse essere radicato alla terra e soggetto alla forza di gravità, ma poi oggi ci radica troppo ci rende troppo terrestri e terreni e ci fa dimenticare che la nostra vera natura e’ divina e che apparteniamo all’universo intero non solo a un pianeta. Oltre che cosa fondamentale si tratta di alimenti morti. Il latte ci radica ma quanto basta senza eccessi a differenza della carne. Il nostro corpo e’ fatto degli alimenti che attraverso la digestione vengono trasformati e resi idonei per costruirlo. Ed il nostro corpo e’ il contenitore dell’ anima e dello Spirito e deve essere quindi parallelamente alla evoluzione dell’ anima verso il Se’, sempre più raffinato. Ed ecco oggi la necessità del cambiamento alimentare. Attraverso la digestione si attua nel nostro corpo una vera alchimia, il fuoco digestivo trasforma il cibo in tessuti del corpo. L’essere umano che risiede sulla Terra con un corpo fatto di elementi della Terra deve tornare a cibarsi di alimenti della Terra e quindi costituiti da aria, acqua, terra e quindi tornare ad una alimentazione vegetariana più il latte ed i suoi prodotti. Questo processo deve attuarsi gradualmente senza traumi fisici o emotivi cosa che accade con cambiamenti bruschi. Bisognerebbe ridurre il numero di volte alla settimana in cui si consuma la carne e passare gradualmente dalla carne rossa a quella bianca e poi al pesce. Ridurre poi anche il pesce fino ad eliminarlo. Gli alcolici dovrebbero gradatamente essere eliminati ed il vino usato a pasto con parsimonia. Il caffè ridotto e quando possibile eliminato. Vanno bene come proteine i legumi e possono essere consumati tutti i cereali come il grano, l orzo, il grano saraceno, il farro, la Quinoa e così via . Riso e pasta vanno bene senza eccedere con il glutine perché si sta osservando anche nei non celiaci o allergici una sorta di intolleranza nel senso di una difficile digeribilità. Tutti i vegetali inclusi gli ortaggi sono appropriati. Frutta fresca di stagione e frutta secca. I frutti maturati al sole sono più digeribili, nutrienti e saporiti. Il latte diluito e bollito e speziato e’ più facile da digerire. Si utilizzano spezie come zenzero, cannella, cardamomo, curcuma, zafferano, noce moscata. Lo yogurt bianco diluito con acqua e speziato come il latte e’ piu’ digeribile. Complementi del cibo sono le spezie. Le spezie migliorano il profumo, il gusto del cibo e lo rendono più appetitoso, più digeribile e più sano. L’olio o il ghee, burro chiarificato, modificano positivamente la qualità del cibo. Il miele come lo zucchero di canna sono ottimi dolcificanti e veicoli di assorbimento del cibo. Il miele non va mai scaldato o cotto e così gli alimenti che lo contengono come ingrediente perche’ diventa tossico sopra i 37 gradi. Si possono consumare piccole quantità di cibo pesante mentre ci si può saziare con il cibo leggero. La quantità del cibo dipende dalla propria capacità digestiva. La capacità digestiva si riduce di molto la sera per cui la cena dovrebbe essere leggera e quindi dovrebbero essere evitate le proteine animali a cena. Consumare preferibilmente proteine animali di giorno e vegetali e cereali la sera. Il cibo andrebbe mangiato caldo e quindi cotto per essere meglio digerito. Il cibo caldo attiva il metabolismo mentre il cibo freddo lo rallenta.

CORSO IN SARDEGNA SUL COVID 19

Descrizione

Come agiscono i vaccini anti Covid-19 su anima e spirito e sulla vita dopo la morte?

La vaccinazione è un tema che da tempo divide le opinioni. Oggi, in considerazione del Covid19, il dibattito è diventato sempre più polarizzato.

Illustrato con immagini a colori, “Vaccini anti-Covid da un punto di vista ETICO – ETERICO . RELIGIOSO spirituale” si occupa di fatti scientifici, ma anche di ricerche che richiedono metodi scientifico-spirituali.

Si raccolgono i resoconti, le esperienze e i commenti di oltre cinquanta persone dotate di abilità chiaroveggenti , psichiche , maestri di scuole Steneriane , montesoriane , scuole olsitiche , scienziati del cun ecc.

In base alle loro osservazioni, si sostiene che i vaccini anti-Covid non sono delle “innocue punturine”, bensì interventi potenzialmente violenti nelle strutture sottili del corpo, dell’anima e dello spirito umano.

I vaccini hanno persino implicazioni sulla vita dell’individuo oltre la morte. Invece di evolversi nell’aldilà, l’anima potrebbe rimanere vincolata alla terra e soffrire profondamente perchè non riesce a trovare il tunnel della luce dove andare a estrinsecarsi .

Percezioni dei sensitivi . Cambia l aura , cambia la forza fisica , cambia la connessione , diminuisce addirittura la connessione con al grili cristica

  • Considerazioni di fondo
  • Ciò che è visibile a livello fisico : il campo elettromagnetico è molto variato . ogni moneta ssi attacca braccio
  • Ricerca soprasensibile :
  • Osservazioni soprasensibili su persone vaccinate
  • Indagini sui vaccini
  • Vaccinazioni anti-Covid a livello spirituale
  • Danni farmacologici nella vita dopo la morte
  • Danni da vaccino anti-Covid nella vita dopo la morte
  • L’affezione da Covid19 osservata a livello soprasensibile

Parte II – Altri autori

  • Rudolf Steiner: a proposito di vaccini :

Come oggi si vaccinano le persone contro questa o quella malattia, così in futuro si vaccineranno i bambini con una sostanza che potrà essere prodotta precisamente in modo tale che le persone, grazie a questa vaccinazione, saranno immuni dall’essere soggetti alla ‘follia’ della vita spirituale.
Esistono sostanze che, se si iniettassero nel bambino in età scolare, gli potrebbero consentire di non frequentare le elementari, solo che il suo pensiero diverrebbe quello di un automa.
Egli sarebbe estremamente intelligente ma non svilupperebbe una coscienza e questo è il vero obiettivo di determinati circoli materialisti.
Questo in effetti è possibile, ma ciò rende l’uomo un automa.
Con un tale vaccino si potrebbe facilmente far in modo che il corpo eterico si allenti all’interno del corpo fisico.
Una volta allentato il corpo eterico, il rapporto tra l’universo e il corpo eterico diverrebbe estremamente instabile e l’uomo diventerebbe un automa, in quanto il corpo fisico dell’uomo deve essere educato su questa terra per mezzo di una volontà spirituale.
Ad esempio la vaccinazione antivaiolosa non ha effetti negativi, se la persona viene educata antroposoficamente; fa male solo a chi cresce con pensieri materialistici.
Allora il vaccino diviene una specie di forza ahrimanica; l’uomo non può più liberarsi da un determinato sentire materialista. (…)
Egli diventa materialista di costituzione e non può più innalzarsi allo spirituale”.

  • Elaim Gairo: attacco all’evoluzione spirituale dell’uomo
  • Heinz Grill: l’oscuro spettro ombra nel cosmo
  • Ajra Pogačnik: intrusione nello spazio sacro del nostro essere
  • Robin Kaiser: effetti su future incarnazioni
  • Ines Siri Trost: uomini ponte

Parte III – Discussione

  • Sui motivi e le conseguenze della vaccinazione
  • Esperienze personali con la vaccinazione anti-Covid
  • Perché i vaccinati percepiscono poco dei propri cambiamenti?
  • Lavoro di costellazione riguardo all’essere della vaccinazione anti-Covid
  • Nella zona di incontro tra non vaccinati e vaccinati
  • Uno sguardo da parte di artisti
  • Estranei nell’evoluzione
  • Un confronto: come agiscono i vaccini contro il morbillo?
  • Cosa sono malattia e contagio?
  • Le mie esperienze con il Covid
  • Retroscena karmici :
  • Cos’è il transumanesimo?

n un libro a più mani, Bas les masques (Giù le maschere), l’ing. Guillemant entra ancor più nello specifico: «L’obbligo di portare un libretto di vaccinazione digitalizzato per potersi spostare sarà la porta d’accesso nel transumanesimo, poiché imporrà il tracciamento umano. Il grande lusso del futuro, cui solo i più ricchi avranno accesso, sarà appunto quello di sfuggire a tale tracciamento. Il rischio rappresentato dalla vaccinazione in termini di salute non è nulla rispetto al rischio rappresentato dalla prova dell’avvenuta vaccinazione in termini di libertà e di integrità umana. A Bill Gates e Mark Zuckerberg non importa nulla del primo rischio [quello sanitario], perché a loro interessa farci accettare il secondo, che va ad arricchire il loro business in un modo inimmaginabile». Diversamente perché «i più accaniti difensori della vaccinazione sono i potenti uomini d’affari dell’informatica e non i medici?».

In tale ottica non stupiscono più le parole del ministro della Salute, Roberto Speranza, rilasciate nel corso di una recente intervista al quotidiano Repubblica: «Super green pass e mascherina vanno conservati anche dopo il 31 marzo», ha detto. Ma va in questa direzione anche la ferocia con cui il primo ministro canadese Justin Trudeau lo scorso 14 febbraio, nel corso di una conferenza stampa, ha minacciato letteralmente di congelare i conti bancari dei camionisti accampati in piazza del Parlamento a Ottawa, per protestare contro il green pass. Il governo canadese, lo stesso che si vanta di essere inclusivo con tutti, Lgbt in testa, ha mostrato il proprio reale volto con questa riproposizione del «credito sociale alla cinese». Trudeau ha negato di voler «sospendere i diritti fondamentali» e di aver oltrepassato quanto previsto dalla «Carta dei diritti e delle libertà», come proverebbe – dice – il fatto di non aver limitato «la libertà di parola» ed «il diritto di assemblea pubblica»: ma è proprio sicuro che prender questa gente per fame sia costituzionale e legittimo?

Il vice di Trudeau, Chrystia Freeland, ha annunciato di voler non solo congelare i conti bancari personali, ma di sospendere persino l’assicurazione dell’auto di chiunque risulti collegato alle proteste, anche senza attendere l’ordine di un tribunale, appellandosi alla sola legge sulle misure d’urgenza introdotta ufficialmente per fronteggiare la pandemia. Tutto, pur di mantenere in vigore il green pass: pare ovvio come la posta in palio, a questo punto, vada oltre la stessa emergenza sanitaria e come le affermazioni dell’ing. Guillemant non siano campate per aria.

Uno studio pubblicato tre anni fa dagli scienziati dell’UCSF, l’Università della California San Francisco, finanziati da Facebook, già confermava la possibilità di creare un’interfaccia cervello-computer, in grado di trasmettere l’attività dei neuroni alla macchina mediante specifici impianti. Il passo successivo? Sostituire gli impianti con un paio di comodissimi occhiali a realtà aumentata, dotati di appositi sensori e controllati dal pensiero. Tutto questo viene presentato ovviamente come un bene: si sostiene di voler ridare così la parola ai muti per paralisi, lesioni del midollo spinale o malattie neurodegenerative. E anche Elon Musk con una delle sue aziende, Neuralink, porta avanti un’analoga progettualità: dice di farlo per contrastare alcune patologie, che colpiscono cervello e midollo. Propone un chip con fili ultrasottili, che un’apposita macchina può impiantare nel cervello per creare un’interfaccia totale, una simbiosi di fatto con l’intelligenza artificiale. Il rischio, però, che un giorno l’intelligenza artificiale possa interferire o addirittura dominare i corpi collegati è più di un’ipotesi.

È dunque già oggi troppo tardi, per cercare di contenere il processo in atto? Possono blandi documenti e proclami etici costituire un reale problema, per chi intenda sfruttare queste nuove tecnologie a proprio vantaggio? È fuor di dubbio quanto importante sia cominciare a porsi queste domande

  • Come si arriva a un’intrusione di spiriti soratici?
  • Raccoglimento o frantumazione
  • La malattia Covid19, la vaccinazione e i lockdown vengono alimentati dalle stesse fonti spirituali?

ome Presidente della Società Cooperativa di Generazioni Future che dedica a Stefano Rodotà la propria azione a tutela dei beni comuni, dei diritti e delle generazioni future oltre che come giurista sento il dovere di esprimere la mia apprensione per le spericolate dichiarazioni giornalistiche rilasciate da tre ex giudici costituzionali relative alla voce, da più parti riportata, dell’introducendo obbligo del c.d. “green pass” per accedere a tutta una serie di  esercizi pubblici o  aperti al pubblico, secondo il c.d. “modello francese”.
Tale operazione di schedatura sanitaria di massa rende obbligatoria, nella sostanza se non nella forma, la pratica vaccinale anticovid che è ad oggi sperimentale ed i cui benefici verso terzi restano del tutto ipotetici, non potendosi perciò invocare la copertura dell’art 32 della Costituzione il quale ammette l’imposizione di un sacrificio al singolo ma solo a fronte di un beneficio collettivo certo ed anche a condizione che il sacrificio sia certamente vantaggioso, in termini di salute, anche per il singolo stesso, requisito che non può dirsi soddisfatto laddove il farmaco sia ancora in fase sperimentale (così la sentenza storica della Corte Cost. 307/90, richiamata anche dalla recente sentenza Corte Cost. 5/2018 che i tre ex giudici costituzionali dimostrano, evidentemente, di non conoscere).


A nome di Generazioni Future denunciamo la estrema e pericolosissima strumentalizzazione di principi giuridici complessi quali la proporzionalità nelle scelte politiche sanitarie o il bilanciamento tra diritti costituzionali che, inquinati da interpretazioni frutto di meri rapporti di forza, vengono utilizzati per giustificare il trasferimento di poteri di polizia in capo a soggetti del tutto privi di qualifiche.

  • Il nuovo peccato originale
  • Va tutto bene, se solo si osserva abbastanza in profondità
  • Che fare – alcuni spunti

Parte V – Le esperienze maturate dopo altri sei mesi

  • Ulteriori esperienze
  • Considerazione medica di Novavax e Valneva

Aggiornamento giugno 2022

L’EMA ha raccomandato in data 23 giugno alla Commissione Europea di concedere l’autorizzazione all’immissione in commercio per il vaccino COVID-19 Valneva prodotto dall’omonima azienda francese per l’uso nella vaccinazione primaria di persone di età compresa tra i 18 e i 50 anni di età.

È il sesto vaccino raccomandato in Europa dall’inizio della pandemia.

La raccomandazione giunge a seguito di un corposo studio di ricerca che ha confrontato Valneva con Vaxzevria, il vaccino Astra Zeneca, coinvolgendo circa 3000 soggetti; è stata rilevata una produzione di anticorpi (valore preso come indicatore della risposta immunitaria) superiore rispetto al competitor verso il ceppo originale di COVID-19, mentre purtroppo sono ancora poco chiare le risposte alla variante Omicron.

Per approfondimenti si rimanda alla documentazione ufficiale.

Introduzione

Come accaduto anche per tutti gli altri vaccini anti-COVID (Pfizer, Novavax, Astra Zeneca ed altri) anche questo vaccino siamo ormai abituati a chiamarlo con il nome dell’azienda produttrice più che con il suo nome effettivo, che è in effetti ad oggi un po’ criptico, VLA2001.

Valneva è un’azienda biotecnologica (sito ufficiale) con sede a Saint-Herblain, nel nord-ovest della Francia, mentre i siti di produzione sono distribuiti tra Europa, Canada e Stati Uniti. Se non è cambiato nulla, questo vaccino in particolare dovrebbe essere prodotto in Scozia, per poi essere predisposto nei flaconi definitivi in Svezia.

Cosa cambia rispetto ai vaccini già disponibili?

Come funziona?

VLA2001, questa la sigla con cui viene indicato il vaccino Valneva, dovrebbe indurre la tanto agognata immunità verso il SARS-CoV-2 mediante l’inoculazione del virus intero inattivato (ucciso), incapace quindi di innescare la malattia, ma in grado di farsi riconoscere come entità estranea all’organismo e per questo produrre la risposta immunitaria nel paziente.

L’idea, comune peraltro a qualsiasi vaccino per definizione, è quindi quella di far vedere all’ospite il virus, o una sua parte nel caso di altre formulazioni, per fare in modo che ad un successivo eventuale contatto nel mondo reale con il virus attivo non ci sia bisogno di attendere per osservare lo schieramento di tutte le armi di difesa di cui possiamo disporre, in quanto minaccia già conosciuta e nota.

Semplificando e, come mia abitudine, banalizzando anche un po’, possiamo dire che:

  • Vaccini a mRNA, come Pfizer e Moderna, optano per l’introduzione delle istruzioni necessarie a far produrre pezzi caratteristici del virus dall’organismo stesso, che poi le riconoscerà come estranee.
  • Vaccini a vettore virale, come AstraZeneca e Johnson & Johnson, si servono di un virus privo di qualsiasi azione, salvo la capacità di portare materiale genetico in forma di DNA all’interno delle cellule, che di nuovo produrranno autonomamente pezzettini di SARS-CoV-2.
  • Vaccini a sub-unità, come quello di Novavax, che contengono il pezzettino di virus già bell’e che pronto.
  • Vaccini con il virus inattivato, come Valneva, che anziché contenere solo un pezzettino del virus, lo contengono intero, ma morto.

Tra gli esempi che ci sono più familiari di vaccini inattivati c’è anche l’antinfluenzale tradizionale, più precisamente in questo caso un vaccino split inattivato.

Composizione

Oltre al principio attivo, costituito dal virus inattivato (in forma di 33 AU di Wuhan strain hCoV-19/Italy/INMI1-isl/2020), Valneva contiene i seguenti eccipienti:

  • Sodio cloruro,
  • sodio fosfato bibasico anidro,
  • potassio fosfato mono-anidro,
  • cloruro di potassio,
  • acqua per preparazioni iniettabili,
  • albumina umana ricombinante.

Si noti che contiene:

  • contiene meno di 1 mmol (39 mg) per dose da 0,5 ml di potassio, quantità paragonabile a zero
  • meno di 1 mmol di sodio (23 mg) per dose da 0,5 ml di sodio, quantità paragonabile a zero.

Dosi

Il vaccino Valneva, autorizzato per soggetti di età compresa tra 18 e 50 anni, richiede l’iniezione intramuscolare nel deltoide (braccio) di 2 dosi a distanza di 28 giorni l’una dall’altra; l’efficacia massima viene raggiunta in circa 14 giorni dalla seconda dose.

Non ci sono ad oggi dati sulla possibilità di vaccinazione mista (con altri vaccini).

Quando arriva in Italia

In data 23 giugno l’EMA ha prodotto la raccomandazione all’immissione in commercio, la palla quindi passa ora all’Unione Europea (ed eventualmente ai singoli Stati membri) per la trattattiva dell’acquisto delle dosi (resa più complicata dal fatto che ad oggi l’offerta complessiva di vaccini supera la domanda).

Effetti indesiderati

È decisamente presto per avere un quadro definito e soprattutto definitivo dei possibili effetti collaterali legati al vaccino, ma da quello che è emerso nello studio di fase 3 sembra che la tollerabilità sia superiore al vaccino Astra Zeneca, il termine di paragone che si è usato nel gruppo di controllo.

Soliti fastidi nel sito d’iniezione, rossore, gonfiore, dolore sul braccio per circa 3 pazienti su 4, disturbi sistemici per circa 7 pazienti su 10 (come potrebbero essere ad esempio mal di testa, dolori muscolari, stanchezza, nausea, dolori articolari, una sensazione generale di malessere, febbre), mentre non si sono registrate reazioni gravi e meno dell’uno per cento dei partecipanti allo studio ha riportato effetti collaterali di particolare interesse.

La maggior parte delle reazioni avverse registrate in fase di studio è stata lieve e si è risolta entro 2 giorni dalla vaccinazione; l’incidenza e la gravità delle reazioni avverse sono simili dopo la prima e la seconda dosi e tendono a diminuire con l’età.

Altre informazioni

Conservazione alla normale temperatura dei frigoriferi, 2-8 °C.

  • Indagine soprasensibile su Novavax e Valneva
  • Consigli per l’elaborazione del vaccino anti-Covid e dell’affezione da Covid19
massaggio in palla
massaggio su palla e campana tibetana ideato da valbonesi
la nostra sede a via bellot 44 roma tel 3294167403 per le uscite

USCITE A VELA GIORNALIERE

USCITE GIORNALIERE IN BARCA A VELA LIGURIA Genova + VENEZIA

Programma di massima delle uscite giornaliere in barca a vela
con massaggio e yoga in amaca Liguria + Venezia
La “giornata tipo” delle gite giornaliere in barca a vela
con massaggio e yoga in amaca inizia con l’imbarco in mattinata seguito da un breve briefing per presentare la barca e introdurre l’equipaggio alle manovre di base della navigazione a vela per poter navigare in sicurezza. Una volta verificato il meteo per definire la miglior destinazione, si è pronti per partire: l’escursione giornaliera in barca a vela prevede una prima fase di navigazione al mattino,
i massaggio aereo e mini corsi di yoga in amaca una sosta in rada per il pranzo e qualche ora di counseling su amaca relax per risolvere tutti i vostri desideri e si concluderà con la navigazione pomeridiana e il rientro in porto al tramonto per l’aperitivo.

Le escursioni giornaliere in barca a vela sono aperte a partecipanti di qualsiasi età ed esperienza, e la formula dell’uscita in giornata le rende un’attività particolarmente indicata per partecipanti alla prima esperienza: se avete paura di soffrire il mal di mare o di non riuscire ad adattarvi facilmente alla vita a bordo, le gite giornaliere in barca a vela con massaggio e yoga in amaca vi offrono la possibilità di provare questa esperienza senza eccessivi vincoli e di apprezzare al meglio il piacere della navigazione. L’attività è aperta sia a singoli iscritti che a gruppi.
Il numero minimo di partecipanti per confermare le escursioni giornaliere in barca a vela è di quattro persone.

Inoltre possiamo creare su richiesta degli itinerari e programmi personalizzati in base alle vostre esigenze, permettendo all’equipaggio di godere appieno della sensazione di libertà che solo l’andar per mare può dare.
Ti è piaciuta l’uscita giornaliera in barca a vela? Perchè non provare allora il week end in barca a vela scegliendo una delle nostre numerose soluzioni.

i miei allievi .. in giro per il mondo ...

Uscite in barca giornaliere nel mare di Roma (Ostia)!

Uscite serali al tramonto con aperitivo!

Lunedi, martedì , mercoledì , giovedì, venerdì   barca a VELA
con massaggio e yoga in amaca !

Corso di
con massaggio e yoga in amaca e corso ancora
fitness in amaca (1 giorno – clicca)

uscita a vela a Roma di un giorno Collegamenti:

delle uscite giornaliere  a vela a Ostia – Roma

Uscite serali con aperitivo

Prezzi delle Uscite a vela di un giorno

Uscita Regalo: Regala e regalati un’emozione!

un’uscita in barca a vela con massaggio in amaca sul boma e yoga della risata è un regalo bellissimo!

Non sei mai salita su una barca a vela?

Vuoi solo goderti un giorno di relax al sole e al vento?

Vuoi imparare la tecnica della navigazione a vela?

Vuoi provare l’emozione di essere al timone di una  barca a vela con massaggio in amaca sul boma e yoga della risata?

Vuoi fare pratica nelle manovre a vela?

 Idea Regalo uscita a velaUn’Idea REGALO ORIGINALE? Regala un’uscita in barca a vela con massaggio in amaca e yoga aereo sulla barca in navigazione!

Insomma, per qualsiasi motivo tu voglia salire su una barca a vela, partecipa alle uscite a vela giornaliere a Ostia della associazione barca a vela con massaggio in amaca sul boma e yoga della risata!

In questa pagina puoi trovare il calendario delle uscite in barca a vela con massaggio in amaca sul boma e yoga della risata a Ostia a breve termine e il tipo di uscita.

Uscita giornaliera a vela di un giorno a Ostia

Le uscite in barca a vela con massaggio in amaca sul boma e yoga della risata giornaliere si possono effettuare nei weekend o nei giorni feriali.

Nella bella stagione le uscite a vela nel weekend si organizzano con preavviso di 2-3 giorni mentre per i giorni feriali, da lunedì a giovedì, si possono programmare con maggiore anticipo.

Il lunedi, martedì , mercoledì , giovedì, venerdì  Ã¨ il giorno standard delle uscite a vela nei giorni feriali.

Il calendario delle uscite a vela di un giorno riportato sotto viene regolarmente aggiornato.

Se vuoi puoi ricevere gli aggiornamenti delle date sul tuo cellulare tramite whatsapp:

INVIACI il tuo numero ed inserisci il nostro (3294167403 ) nella tua rubrica telefonica (altrimenti il msg non arriva).

Potrai cancellarti in ogni momento.

uscite a vela regalo di un giorno a Roma - OstiaCOSTO DELLE USCITE A VELA GIORNALIERE

Le uscite a vela giornaliere costano 45 euro a persona per la prima uscita (comprendono la tessera associativa) e 35 euro le successive nell’anno in corso.

Senza fare la tessera l’uscita costa 40 euro a persona.

Occorrono almeno 5 adesioni per poter dare conferma, massimo si esce in 8-10 persone + lo skipper-istruttore.

E’ anche possibile uscire un giorno in barca con un proprio gruppo al di sotto del numero minimo di partecipanti e senza altre persone aggiunte: in questo caso concorderemo direttamente un prezzo forfettario. Il prezzo delle uscite a vela a forfait nei giorni feriali è generalmente più economico. Per situazioni particolari offriamo prezzi particolari!

Se ti vuoi aggregare ad altre persone cercheremo noi di formare un gruppo per raggiungere il numero minimo di partecipanti per poter effettuare l’uscita in barca a vela.

Nel periodo invernale il costo delle uscite è di euro 35 per i non soci, euro 30 per i soci.

Uscite a vela giornaliere didattiche

Le uscite giornaliere a vela sono, per chi vorrà imparare la tecnica della vela, anche uscite-scuola: si imparano i primi rudimenti teorici, si può condurre l’imbarcazione al timone e si possono toccare aspetti specifici secondo la propria preparazione ed esperienza. Il tutto nel piacere rilassato della navigazione a vela.

Pranzo al sacco, se le condizioni lo permettono si può organizzare un aperitivo in navigazione oppure dopo essere rientrati all’ormeggio.

Orari delle uscite giornaliere

Orario Invernale: 10:30-15:30 circa

Orario Estivo-2 possibilità: 9:00-13:30 oppure 14:00-18:30

USCITE A VELA CON APERITIVO AL TRAMONTO  (per info e date clicca QUI)

Uscita a vela con aperiivo al tramontoLe uscite a vela con aperitivo al tramonto si effettuano nel periodo estivo (a richiesta anche nel resto dell’anno).

Prezzo Uscita con aperitivo: 25 euro per i soci, 30 non soci.

Imbarco a partire dalle ore 18:00

Un ottimo modo per iniziare il fine settimana nella suggestione del mare al tramonto a vela.

Condizioni Meteo E’ lo skipper-istruttore a decidere se ci sono le condizioni meteomarine adatte all’uscita a vela. La verifica finale delle condizioni presenti è fatta sul posto al momento dell’appuntamento. Nel caso non si esca per meteo avverso nulla sarà dovuto. Nuvolosità o minaccia di pioggia non sono considerati motivi sufficienti per non presentarsi all’appuntamento. In caso di disdetta a meno di 24 ore dall’appuntamento sarà comunque dovuto il 50% dell’importo.

Le uscite a vela si svolgono davanti al litorale romano senza una meta particolare, l’itinerario lo decide il vento! Imbarco al Porto di Roma (Ostia), o dalla vicina foce del Tevere, lato Ostia, il porto naturale di Fiumara Grande.

E’ possibile uscire anche nei giorni feriali. Siamo disponibili ad uscire in barca a vela con massaggio in amaca sul boma e yoga della risata anche nei giorni feriali, con preferenza ai giorni dal lunedì al lunedi, martedì , mercoledì , giovedì, venerdì  (a partire da marzo  indistintamente in tutti i giorni)!

PRENOTA oppure CONTATTACI  3294167403 e organizzeremo insieme.

LE PROSSIME USCITE GIORNALIERE IN BARCA A VELA

un giorno a vela a Ostia – 2019